Il mercato degli alimenti a rapida preparazione: un incremento fino al 2027

Con la reclusione dovuta all’emergenza Coronavirus, in casa si tende a velocizzare i meccanismi che prima si svolgevano all’esterno. Se a pranzo si mangiava fuori per motivi lavorativi, ora si fa in modo che la preparazione sa celere. La statunitense Allied Market Research ha pubblicato un rapporto dal titolo “Fast FoodMarket by Type (Pizza/Pasta, Burger/Sandwich, Chicken, Asian/Latin American Food, Seafood, and Others) and End User (Food-Service Restaurants, Quick Service Restaurants, Caterings, and Others): Global Opportunity Analysis and Industry Forecast, 2020–2027”. Secondo il rapporto, il mercato globale degli alimenti a rapida preparazione ha raccolto 647,7 miliardi di dollari nel 2019 e si stima che raggiungerà i 931,7 miliardi di dollari entro il 2027 (su News For Wellnes le novità in ambito food). L’aumento del numero di fast food/camion, l’adozione di sistemi di ordinazione tecnologici e l’aumento della domanda di cucine internazionali guidano la crescita del mercato globale dei fast food. Tuttavia gli alti costi di installazione e la crescita del numero di persone attente alla salute ostacolano l’incremento del mercato. Lo stile di vita frenetico dei consumatori alla ricerca di prodotti alimentari convenienti e l’aumento dei punti vendita fast food agevoleranno nuove opportunità nei prossimi anni.

A causa del nuovo focolaio di coronavirus, la maggior parte dei consumatori ha iniziato a evitare gli alimenti a rapida preparazione al fine di mantenere le misure precauzionali. Tuttavia, si prevede che la vendita riprenderà rapidamente. Inoltre, l’interruzione nell’industria alberghiera, alimentare e delle bevande – nonché nella catena di approvvigionamento dovuta allo scoppio della COVID-19 – avrebbero un impatto sul mercato degli alimenti a rapida preparazione in termini di entrate.

In base al tipo di prodotto, il segmento di cibo asiatico / latinoamericano rappresentava quasi un quarto del mercato globale degli alimenti a rapida preparazione nel 2019 e si prevede che manterrà tale trend. Il segmento hamburger / sandwich rappresenta l’incremento (5,9%) dal 2020 al 2027.

E la reclusione non presenta motivo per essere interrotta. Solo uno su tre americani ritiene di aver sentito tutto ciò che è richiesto dal proprio governo e dai propri datori di lavoro (rispettivamente 32% e 33%) per sentirsi al sicuro al rientro al lavoro, secondo un’indagine condotta dalla società di comunicazione strategica globale Kekst CNC. Gli impiegati hanno infatti identificato diversi ostacoli fondamentali al ritorno al lavoro: tra i timori, ci sono la costante paura di contrarre la malattia (54%) e lo scetticismo riguardo alla possibilità di allontanamento sociale durante il lavoro (47%). Circa un terzo ha identificato il desiderio continuo di lavorare in remoto come principale barriera al ritorno. Gli americani sono anche diventati più pessimisti circa la durata prevista della crisi, con il 59% che ora prevede che l’impatto sull’economia durerà un anno o più, rispetto al 36% di aprile. Molti non si sentono a proprio agio nell’effettuare spese fino almeno al 2021: soprattutto nel settore dei viaggi ciao terra o in acero (61%), beni di lusso (57%), gadget / attrezzature tecnologiche (44%), ristoranti e intrattenimento (41%)  abbigliamento (35%).

In questo contesto, una super maggioranza di americani (75%) crede che le imprese dovrebbero spostarsi il focus sulle misure ambientali, sociali e / o di governance post-crisi. La ricerca è stata condotta su un campione rappresentativo di 6.000 adulti, tra cui 1.000 negli Stati Uniti a giugno 2020, con numeri simili nel Regno Unito, la Francia, la Germania , la Svezia e il Giappone. Quasi due terzi degli americani (64%) si aspettano una seconda ondata di virus, la seconda cifra più alta a livello globale.