Il piercing all’ombelico

Tra i body modification più famosi e popolari soprattutto tra le nuove generazioni spicca il piercing all’ombelico che rappresenta il connubio perfetto tra eleganza e sensualità. Infatti a differenza degli altri piercing è meno invasivo e aggressivo, anzi si presenta come un ornamento armonico capace di rivalutare la parte addominale del corpo. Ecco allora che sia ragazze che ragazzi scelgono di farsi un piercing all’ombelico proprio per esaltare questa specifica parte del corpo.

La tecnica per realizzare questo tipo di piercing è molto semplice, laddove non viene utilizzata una macchinetta come per esempio accade per il foro alle orecchie, ma altri strumenti che denotano una maggior professionalità da alcuni esperti del settore. Tra questi spiccano le pinze, il pennarello per segnare il punto dove si preferisce avere il piercing e una buona quantità di aghi sterilizzati da 14 millimetri che serviranno a realizzare il foro. La pratica è molto rapida dato che una volta sterilizzato quello specifico lembo di pelle verrà poi perforato attraverso la pinza e in seguito forato tramite l’ago da 14 mm. È lecito chiedersi se una pratica del genere può recare dolore oppure no. A tal proposito c’è da sottolineare che questo foro è considerato uno dei più facili da praticare sul corpo; questo perché tecnicamente va a bucare una parte piuttosto ricca di adipe e povera di terminazioni nervose.

Ragion per cui il dolore che è lecito provare è assolutamente sopportabile, soprattutto se a realizzare il piercing all’ombelico è un professionista del settore. Nelle settimane successive alla perforazione ci sarà un lieve fastidio nella parte interessata, ma con l’opportuna cura si eviteranno sia le infezioni che i bruciori a lungo termine. Quello che renderà esteticamente piacevole un piercing all’ombelico sarà senza dubbio il gioiello da applicare nelle diverse varietà e tonalità di forma e colore.