L’importanza del Kinetec dopo un’artroscopia

L'artroscopia è una procedura chirurgica che permette di intervenire all'interno delle articolazioni, soprattutto di ginocchio, spalla e gomito, per esaminare, ed eventualmente riparare, le strutture anatomiche.

Viene eseguita attraverso l'artroscopio, uno strumento simile ad un endoscopio, che viene inserito nell'articolazione attraverso una piccola incisione e permette sia di effettuare la diagnosi che di operare.

Come esame diagnostico viene utilizzato principalmente per comprendere la dinamica delle lesioni. Come trattamento chirurgico è utilizzato invece per la rimozione di eventuali corpi nello spazio dell'articolazione e per il trattamento di determinati tipi di patologie.

Il tempo di recupero post-chirurgico è stimato in circa due mesi. Nella prima fase riabilitativa viene, di norma, prescritto il kinetec, che consente la mobilizzazione graduale dell'arto nelle fasi di recupero e riabilitazione attraverso la metodica riabilitativa con CMP (Movimenti Passivi Continui).

La terapia con kinetec aiuta a:

  • migliorare il metabolismo della articolazione e la circolazione linfatica e sanguigna
  • prevenire le rigidità dell'articolazioni e la formazione di trombosi ed emboli
  • aiutare le proprietà meccaniche dei legamenti danneggiati

Molte sono le aziende che si occupano di noleggio kinetec, la soluzione migliore infatti è quella di eseguire al proprio domicilio questo tipo di terapia piuttosto che recarsi in costosi centri riabilitativi, molto spesso anche difficili da raggiungere.

Il trattamento non comporta nessun dolore al paziente, anzi il movimento passivo offre una piacevole sensazione all'articolazione in oggetto, e la stimolazione alla circolazione, linfatica e sanguigna, riduce il gonfiore. Inoltre, migliorando le proprietà meccaniche dei movimenti, favorisce un rapido ritorno alla funzionalità.

 

Oltre che per il recupero post-operatorio, l’utilizzo del kinetec può dare importanti benefici anche nelle seguenti patologie:

 

  • distorsioni e contusioni dell'articolazione
  • artrotomie e artroscopie in combinazione con sinovectomie, artrolisi, o altre misure intraarticolari
  • mobilizzazione in narcosi
  • resezione di tumori nell'area articolare
  • fratture della porzione prossimale del femore
  • fratture acetabolari
  • artrolisi dell'anca per l'eliminazione di formazioni ossee eterotopiche.

L’utilizzo del kinetec è, invece, sconsigliato, a meno che non ci sia una precisa prescrizione del medico, in caso di:

  • osteosintesi instabili
  • reazioni infiammatorie dell’articolazione
  • paralisi spastiche

Per il noleggio di un apparecchio per la kinetec terapia, bastano pochi euro al giorno. I prodotti vengono consegnati quasi sempre gratuitamente a domicilio da personale esperto che si occupa inoltre di fornire tutte le necessarie indicazioni sul loro corretto funzionamento.

In particolare, per la riabilitazione del complesso articolare della spalla, è consigliata la linea di apparecchiature Centura. L'unità Kinetec Spalla Centura rappresenta l'ultima generazione degli apparecchi CPM. È possibile scegliere sedici diversi protocolli riabilitativi già memorizzati o creare un programma di lavoro secondo le necessità riabilitative.