L’importanza dell’attività  fisica nell’ipertensione

 

L’ipertensione comporta un cambiamento del proprio stile di vita. Oltre ad una cura prettamente farmacologica è necessario evitare stress, ridurre la quantità di cibo e infine cambiare la qualità del cibo, cercando di seguire con rigore una dieta povera di sodio, allo scopo di perdere peso. Inoltre è molto importante ridurre il consumo di alcool e abolire il fumo.

Fondamentale in caso di pressione arteriosa elevata è dedicare parte della giornata all’attività fisica. Fare sport con costanza riduce lo stress, il sovrappeso e apporta benefici al sistema cardiovascolare.
Per sport non si intende solo quello fatto in palestra con degli attrezzi e un istruttore. Può essere salutare anche svolgere attività di minore intensità come giardinaggio, faccende domestiche o semplicemente scendere di casa per andare a fare la spesa a piedi. In generale essere attivi porta il cuore ad essere più resistente ed efficiente.

Perché lo sport è importante per una persona ipertesa
Anzitutto l’attività fisica porta una maggiore quantità di ossigeno e sangue a tutti i tessuti; comporta perdita di liquidi in una quantità paragonabile a quella che si perde con l’assunzione di diuretici; aumentano i capillari sia a livello muscolare che cardiaco e ciò allontana il rischio di avere un infarto.

Che tipo di sport è indicato per l’ipertensione?
Non c’è uno sport che in assoluto è ritenuto ideale per una persona ipertesa ma sicuramente alcuni sono più efficaci rispetto ad altri. Per essere utile lo sport deve essere aerobico e cioè di media intensità come la marcia, il jogging, la corsa, il nuoto o il ciclismo; deve avere una certa durata (protrarsi per almeno 30 minuti senza interromperla) e una certa frequenza (gli esercizi devono essere svolti almeno 3 volte a settimana, meglio se 5 volte).

Si possono fare anche esercizi con gli attrezzi come: cyclette, tapis roulant e step, cambiando ogni volta l’ordine degli esercizi così da richiamare ogni volta il sangue da distretti muscolari ad altri diversi. Anche esercizi di rilassamento e posturali possono essere efficaci e favorire benessere.

Ci sono dei rischi?

La risposta è Si. Purtroppo la maggior parte degli accidenti cardiovascolari avviene proprio durante lo svolgimento di attività fisica in quanto durante l’esercizio vi è un aumento della frequenza cardiaca, della gittata e pressione sistolica e ciò comporta un maggior consumo di ossigeno. I rischi ci sono quando l’attività fisica viene svolta senza seguire delle regole precise e con incoscienza.

Alcuni consigli
Prima di iniziare qualsiasi attività sportiva è bene informare il proprio medico che potrà darci qualche consiglio in merito a quale attività svolgere e con quale intensità.

Inoltre è importante porsi degli obiettivi realistici e in linea con la nostra salute, in caso di ipertensione non si può strafare e non bisogna vivere l’allenamento come una sfida. E’ fondamentale affidarsi ad un personal trainer preparato e qualificato che segua durante gli esercizi.

Durante l’attività fisica è doveroso bere e mantenere quindi elevato il livello di idratazione, alzarsi lentamente al termine degli esercizi per evitare che durante il rialzo si abbiano vertigini e svenimenti. Non bisogna trattenere il respiro quando si fa sport, soprattutto quando si fanno esercizi con pesi che sarebbe meglio evitare.

In ogni caso bisogna ricordare che l’ipertensione va curata ogni giorno e non solo con farmaci ma anche e soprattutto con uno stile di vita corretto in cui assumono un posto di rilievo il mangiar bene e lo sport.